martedì 24 ottobre 2017   ::  
Text/HTML

 

 9788807031618_quarta[1].jpg

 

OGNUNO POTREBBE 

AUTORE: Michele Serra  (romanzo)


note critiche: Giorgio Biferali

 


È possibile immaginare un mondo dove le persone che incontri, quando cammini per strada, ti vengono addosso perché soffrono della «sindrome dello Sguardo Basso», la stessa sindrome che impedisce alle coppie di parlarsi e di guardarsi negli occhi. Un mondo dove tutti parlano per sentito dire, anche se nessuno ti ascolta. Un mondo dove la parola “io” viene prima di tutto.

 Questo mondo, che Michele Serra racconta in "Ognuno potrebbe", il suo nuovo romanzo pubblicato da Feltrinelli (pp. 160, 14 euro), non è altro che il nostro. Giulio Maria, figlio di Giulio e di Maria, è un antropologo trentaseienne che vive ancora con la madre, che fa un lavoro precario, e forse inutile, insieme al suo amico Ricky, un eterno ottimista: studiano le esultanze dei calciatori. Chi prende a calci i cartelloni pubblicitari dietro cui sono seduti i fotografi, chi guarda fisso nelle telecamere con aria di sfida e si toglie la maglietta mettendo i mostra i tatuaggi, chi si fa un selfie con la curva piena di tifosi che esultano alle sue spalle. Piccoli gesti che raccontano un’umanità sempre più narcisista.

 La fidanzata di Giulio, Agnese, è una di quelle che soffrono della sindrome dello Sguardo Basso, passa le giornate con la testa china rivolta al suo «egòfono», la traduzione italiana di iPhone coniata da Serra, che quando è in compagnia di Giulio guarda spesso il telefono, dà un’occhiata alle mail, invece di parlare con lui. Nella città dov’è nato e cresciuto, una sorta di «non luogo» che Giulio chiama «Capannonia», la visione di un cinghiale provoca una serie incessante di monologhi da parte dei suoi abitanti, il «Grande Dibattito» dell’umanità, che fanno tutti parte del circolo «A me non la danno mica a bere».

Giulio, che a scuola prendeva sempre “sei meno”, che nelle foto preferisce nascondersi piuttosto che mettersi al centro cambiando faccia o indicando qualcuno, che rimane affascinato dall’esultanza di un calciatore che apre le braccia senza fare nient’altro, che è abituato da sempre a starsene in disparte, si sente spaesato e vive in uno stato d’ansia perenne. Gli altri, ai suoi occhi, sono diventati troppo ingombranti.

Il capannone di suo padre, che era un ebanista, è l’unica cosa materiale che gli è rimasta. Quel padre che parlava poco e lavorava molto, e che quand’era piccolo gli aveva dato uno schiaffo perché in un discorso aveva usato troppe volte la parola “io”: «Dissi a mia madre: “Ma io non è una parolaccia!”. Lei mi rispose che non lo era. Nessuno di noi poteva immaginare che lo sarebbe diventata».

Il lettore ride e si diverte, con lo sguardo basso rivolto al romanzo di Michele Serra, perché in queste pagine riconosce il mondo che lo circonda, che è cambiato e che non finisce mai di cambiare, e soprattutto perché riconosce se stesso. Ma alla fine il lettore alza sguardo e capisce che sì, «ognuno potrebbe fare molto meglio», compreso lui.

 


9788807031618_quarta[1].jpg(torna home)

 

Michele Serra (Bibliografia /al 2015)

Giorgio Gaber. La canzone a teatro, Milano, Il Saggiatore, 1982..

Visti da lontano, Milano, Arnoldo Mondadori,

Il nuovo che avanza, Milano, Feltrinelli, 1989.

44 falsi, Milano, Feltrinelli, 1991.

Poetastro. Poesie per incartare l'insalata, Milano, Feltrinelli,

Il ragazzo mucca, Milano, Feltrinelli, 1997,

Maledetti giornalisti, con Goffredo Fofi e Gad Lerner, Roma, Edizioni e/o, 1997. .

Giù al Nord, con Antonio Albanese ed Enzo Santin, Torino, Einaudi,

Che tempo fa, Milano Feltrinelli, 1999.

Canzoni politiche, Milano, Feltrinelli, 2000.

Pinocchio Novecento. 25 tavole a colori commentate da Michele Serra, testo di Carlo Collodi e disegni di Sergio Staino, Milano, Feltrinelli, 2001. .

Cerimonie, Milano, Feltrinelli, 2002.

De André il corsaro, con Fernanda Pivano e Cesare G. Romana, Novara, Interlinea, 2002.

I bambini sono di sinistra, con Claudio Bisio, Giorgio Terruzzi, Giorgio Gallione e Gigio Alberti, Torino, Einaudi, 2005..

Tutti i santi giorni, Milano, Feltrinelli, 2006.

Psicoparty, con Antonio Albanese, con DVD, Milano, BUR, 2007.

Breviario comico. A perpetua memoria, Milano, Feltrinelli,

L'assassino, Milano, Feltrinelli, 2013.

Gli sdraiati,Feltrinelli, 2013

Ognuno potrebbe, Feltrinelli, 2015

 

DICOTOMIE di N.Pardini analisi e intervista  :: Dino Carlesi e Nazario Pardini lettere  :: R.Penna Gesù il Messia di Neuro Bonifazzi :: Stefano Zecchi dopo l'infnito cosa c'e'?  :: Sufismo: Prayer of the Heart in Christian and Sufi :: Devi Cambiare la tua vita Peter Sloterdijk :: Armando Alciato, Fuga d'Attimi Il Portone Pisa  :: Olimpia di Luigia Sorrentino :: Rodolfo Tommasi presenta Miriam Binda  :: Chiaramente scienza a Venezia con Barlati e Zoppè :: La Violenza di Dio di Enzo Bianchi priore di Bose  :: Binda Miriam Guerranima note di Andrea Pellegrini  :: Nazario Pardini su Argento 47 di Binda Miriam  :: Boris Pahor: così ho vissuto un secolo  :: Mike Worrall ed i suoi labirinti inconsci :: NAPOLEONE CONVERSAZIONI SUL CRISTIANESIMO :: Ninnj Di Stefano Busà note su Ernesto Ferrero  :: Ognuno Potrebbe di Michele Serra  :: Mauro Cavagliato la musica è infinita  :: Mario Rondi poeta
Copyright (c) 2000-2006    ::   Condizioni d'Uso