martedì 24 ottobre 2017   ::  
Text/HTML



MANLIO SGALAMBRO - IN APPUNTO




 

POESIA DI MANLIO SGALAMBRO

Accetta un consiglio

 

Vi voglio rifilare un paio di buoni consigli.
Godete del potere e della bellezza della vostra gioventù senza pensarci.
Oppure pensateci (tanto è lo stesso).
Se ci pensate troppo scompaiono subito.
Bellezza e gioventù le capirete solo una volta appassite,
Dicono i saggi. Ma non vi illudete troppo.
Tra vent'anni guarderete le vostre vecchie foto come dei santini:
le adorerete in ginocchio.
Quante possibilità avevate e che aspetto magnifico,
Non eravate per niente grassi come vi sembrava.
Niente pancie. Ma questo è il consiglio:
la pancia non esclude l'erotismo.
Guardate Socrate: pancione e grande amatore.
Non preoccupatevi del futuro,
oppure preoccupatevene, fate voi.
Fate una cosa quando siete spaventati. Cantate.
Il canto è esistenza.
Non siate crudeli oppure siatelo ma solo un pochino.
Lavatevi bene i denti! Pulite, strigliate il vostro corpo...
Non perdete tempo con l'invidia...
I Greci però l'apprezzavano
e la attribuivano anche agli Dei: tenetene conto.
Guardate con terrore la ragazza accanto:
un giorno potrebbe essere vostra moglie.
E voi ragazze guardate con orrore
quel giovanottone che siede accanto a voi:
un giorno potrebbe essere vostro marito!
Ricordate tutti i complimenti che ricevete.
Scordate gli insulti ma non tutti.
Conservate quello che vi è piaciuto di più.
Conservate le vecchie lettere d'amore. Che ridere!
Non sentitevi in colpa se non sapete cosa fare della vostra vita.
Le persone più interessanti che conosco,
a ventidue anni non sapevano che fare della propria.
Ma anche dopo.
Forse vi sposerete, forse no.
Ma se non vi sposerete non potete divorziare: pensateci.
Godetevi il vostro corpo, usatelo in tutti i modi che desiderate.
Si, anche in quello...
Ballate!
Anche se il solo posto che avete per farlo
è il soggiorno di casa vostra.
Leggete "Così parlò Zarathustra"
ma tappategli prima la bocca.
Anche lui dà consigli. O lui o me.
Leggete ogni genere di istruzioni ma non eseguitele.
Fatelo con i medicinali: prima buttate le istruzioni,
poi i medicinali.
Cercate di conoscere bene i vostri genitori.
Non potete sapere quando se ne andranno... (finalmente!)
Datevi da fare per colmare le distanze geografiche
e gli stili di vita.
Vivete a Canicattì ma lasciatela prima che vi indurisca.
Vivete a...
ma lasciatela prima che vi rammollisca.
Siate cauti nell'accettare consigli,
e pazienti con chi li dispensa.
Accettate quest'ultimo consiglio:
non accettate mai consigli.

Manlio Sgalambro (Lentini, 9 dicembre 1924 - Catania, 6 marzo 2014) filosofo, saggista e soprattutto musicista-poeta  scrisse il suo primo libro in età  matura - aveva  55 anni -.

La sua prima  pubblicazione  è infatti  il bellissimo libro: La morte del sole, scelto dalla casa  editrice Adelphi di Milano.   

« E lì è rimasto due anni. Ma siccome io sono fatto in questo modo, non ho chiesto niente. Poi è arrivata una telefonata a mia moglie. Mi chiedevano di andare a Milano, per prendere contatto con l'editore.  »
(Manlio Sgalambro)

Sgalambro  Introduceva con garbo anche il suo stile musicale, come un gioco, un  divertimento carico di emozioni  ed offerto, al suo pubblico,  anche attraverso la sua eclettica e  continua ricerca intellettuale.  Un uomo che  ha sempre mantenuto il contatto con la sua terra, i suoi agrumeti,  il fascino della lontananza e del viaggio che porge sempre un saluto alla sua isola circondata dal mare.  Un mare antico è quello della Sicilia, un mare carico di mitologie e destinato a raccontare un mondo di uomini e civiltà sopravvissuta grazie all'arte (rif: teoria della Sicilia di Manlio Sgalambro) -.

Manlio Sgalambro  ha  condiviso  l'esperienza della   quarta via artistica,  in collaborazione con  autori e musicisti internazionali tra cui Franco Battiato. . Non va dimenticato infatti il suo notevole lavoro in collaborazione  con il  noto musicista siciliano; insieme hanno realizzato raccolte musicali di  notevole interesse ed originalità riscontrando un successo di pubblico straordinario.   

Manlio Sgalambro. In questo video -  in memoriam - è ricordato con la sua  poesia Secunda Feira  - un testo musicato  da Franco Battiato nella raccolta,  L'IMBOSCATA. 

 (l'imboscata - diciannovesimo album dell'artista Franco Battiato, pubblicato con Polygram  ma appena il secondo scritto e concepito in collaborazione con l'amico Manlio,  nel 1996.


Manlio Sgalambro muore nella sua terra. A Catania il 6 marzo 2014.


aminAMundi, 6 marzo 2014, la redazione.


 


ritorna home

Charles BAUDELAIRE :: Attilio BERTOLUCCI  :: alle fonti del cutumno carducci  :: Gabriele D'ANNUNZIO INTERVISTA  :: Dante e San Francesco canto XI :: Valentine DE SAINT POINT  :: Carlo Emilio GADDA :: Giacomo LEOPARDI  :: Leopardi Giacomo e Simonide  :: Leonardo da Vinci e le sue opere  :: Giorgio LA PIRA note di NINNJ DI STEFANO BUSA' :: Mario LUZI  :: Alessandro MANZONI  :: Gabriel Garcia Marquez deceduto  :: Alda MERINI  :: Eugenio MONTALE :: NOVALIS :: Alessandro PARRONCHI  :: Francesco Petrarca - riassunto opere e biografia  :: Giovanni PASCOLI :: Fernanda PIVANO  :: Antonia POZZI POETESSA :: Salvatore QUASIMODO  :: Clemente REBORA  :: Gianni Rodari, la grammatica della fantasia  :: Manlio Sgalambro (accetta un consiglio)  :: Leonardo Sinisgalli  :: Tonino GUERRA :: Giuseppe UNGARETTI :: Oscar WILDE  :: La grande bellezza and the lamb di Blake  :: Aldo Rosselli vita  :: Andrea Zanzotto  :: Maria Allo Dino Campana
Copyright (c) 2000-2006    ::   Condizioni d'Uso