martedì 24 ottobre 2017   ::  
Text/HTML


La musica è (in)finita

di Mauro Cavagliato

 

TESI-ALBUM E PENNA.jpg genesi la musica è infinita.gif

note:  Chicca Morone


  

Che l’autore non meriti un’autobiografia (come lui stesso cita nella premessa) è da discutere, perché la storia di una vita, che è la storia di un amore, trova tra le pagine di un volume particolare e intrigante un suo motivo di essere, che senza il protagonista e la sua visione disincantata non potrebbe testimoniarci un periodo passato quasi nell’oblio dei molti.

La musica è (in)finita porta con sé le immagini di quegli anni in cui la mia generazione ha incontrato la ribellione, il Sessantotto da qualsiasi parte sia stato vissuto; anni in cui si è sovvertito l’ordine di molti capisaldi, si sono invertite le tendenze nella musica come nel quotidiano.

Più che le immagini, però, è la testimonianza diretta che ci trasporta tra le note di quel periodo: canzoni dense di opinioni per “un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones” raccontate da un giovane aspirante “quintobeatle”, sabaudamente in equilibrio tra dovere e piacere, in pieno furore creativo e senza autocommiserazioni, nonostante l’incontro con il Fato crudele.

Gli episodi che si susseguono portano in loro il senso di realtà, ma ciò che maggiormente rende il testo accattivante è l’umorismo con il quale l’autore si vive e si giudica con il senno di poi.

Un libro da leggere una prima volta rapidamente  per cogliere tutti i ricordi che i titoli fanno emergere…  poi una seconda volta per gustarne la scrittura elegante e priva di forzature, così rara oggi!

Chicca Morone  /settembre 2016



PREFAZIONE dell'autore:

Io non merito un’autobiografia: non ho inventato  nuovi farmaci, non ho vinto il Premio Nobel per la pace, non sono andato sulla  luna, non ho calciato il rigore decisivo nella finale dei Mondiali 2006.

Ho  vissuto una vita intensa, con grandi gioie e con qualche  dolore notevole, ma questo non giustifica ancora  il racconto della mia esistenza. Ciò che può motivarlo  è solo la musica che, accompagnando tutti i miei giorni, mi ha fatto vivere esperienze importanti, che spero possano risultare interessanti anche per chi ne  leggerà il resoconto.

Sono episodi spesso piccoli; dopo tutto io non sono un grande musicista. Talvolta  sono comici, altre volte risultano malinconici, ma  sono comunque veri, a dimostrazione di come la realtà  sia sempre la sceneggiatrice più fantasiosa e imprevedibile.

 

CAMPIONI DEL MONDO?

Nella mente dei ragazzi nati negli anni ’50 un posto di rilievo è occupato dal ricordo della mitica partita Italia-Germania 4 a 3 (Messico, 1970), disputatasi quando in Italia era notte fonda. La “madre di tutte le partite” io la vidi su un modesto televisore in bianco e nero (il colore arrivò alla fine dei ’70), in una casa di campagna, senza genitori, con altri cinque ragazzi. Uno di loro (mio fratello, ho imbarazzo a dirlo) dormì placidamente tutta la notte, mentre io e gli altri “veri maschi patrioti” ci sgolammo letteralmente per sostenere, a 5000 chilometri di distanza,  Albertosi, Rivera e gli altri. Anche se si trattava soltanto di un evento sportivo, quella notte mi sentii parte di qualcosa e la sensazione mi piacque.

In seguito mi capitò raramente. Ricordo che nel 2006, tornando a casa dopo aver assistito al trionfo  calcistico degli Azzurri, fui redarguito da un ragazzino  imbandierato che, dandomi del lei, mi rimproverò  scandalizzato: – Ma perché non esulta? – Già, perché? Non sono un misantropo e neanche un timido, ma ho difficoltà a stare in una tribù, anche la  più qualificata: mi sono trovato bene nei Lupetti, ma  ne sono uscito quarantasei anni fa. Però c’è stato un  momento in cui mi sono sentito davvero parte di un Mondo, condividendo le emozioni con milioni di persone.

Mi riferisco ancora ai primi anni ’70, quando il Progressive rock conquistò la scena mondiale e anche me.


estratto tratto da: 

genesi la musica è infinita.gif

La musica e' (in)finita

di Mauro Cavagliato

Genesi Editrice, 2016

Collana Novazioni

 


torna home page


DICOTOMIE di N.Pardini analisi e intervista  :: Dino Carlesi e Nazario Pardini lettere  :: R.Penna Gesù il Messia di Neuro Bonifazzi :: Stefano Zecchi dopo l'infnito cosa c'e'?  :: Sufismo: Prayer of the Heart in Christian and Sufi :: Devi Cambiare la tua vita Peter Sloterdijk :: Armando Alciato, Fuga d'Attimi Il Portone Pisa  :: Olimpia di Luigia Sorrentino :: Rodolfo Tommasi presenta Miriam Binda  :: Chiaramente scienza a Venezia con Barlati e Zoppè :: La Violenza di Dio di Enzo Bianchi priore di Bose  :: Binda Miriam Guerranima note di Andrea Pellegrini  :: Nazario Pardini su Argento 47 di Binda Miriam  :: Boris Pahor: così ho vissuto un secolo  :: Mike Worrall ed i suoi labirinti inconsci :: NAPOLEONE CONVERSAZIONI SUL CRISTIANESIMO :: Ninnj Di Stefano Busà note su Ernesto Ferrero  :: Ognuno Potrebbe di Michele Serra  :: Mauro Cavagliato la musica è infinita  :: Mario Rondi poeta
Copyright (c) 2000-2006    ::   Condizioni d'Uso