lunedì 23 ottobre 2017   ::  
Text/HTML

 

 

   

 

 

 

 

  gadamer.jpg

HANS GEORG GADAMER   UNA BREVE RIFLESSIONE SUL   CAMMINO DELLA FILOSOFIA.     

Il tratto fondamentale dell’ermeneutica contemporanea è rappresentato dalla progressiva trasformazione dell’ermeneutica da disciplina particolare e ausiliaria, spesso accompagnata da un aggettivo (giuridica, biblica, letteraria...), a - secondo una fortunata espressione di Gadamer - vera koiné del filosofare della nostra epoca. Nel Novecento, infatti - ancora ricorrendo alle parole di Gadamer - questa parola "ha fatto fortuna, come accade alle parole che esprimono in modo simbolico l’atteggiamento di tutta un’epoca". La storia di questa decisiva trasformazione è segnata soprattutto dal pensiero di Hans-Georg Gadamer e dal suo fondamentale Verità e metodo, che ha inaugurato il cammino dell’ermeneutica contemporanea nel suo senso più compiuto.
L’impostazione attraverso cui Gadamer articola il discorso ermeneutico ruota intorno ad alcuni termini-chiave: ‘interpretazione’, ‘storicità’ e ‘dialogo’.
Il cammino della filosofia vuole essere un’interpretazione del pensiero filosofico fondata sui contenuti e sulle forme della storicità e del dialogo, un viaggio che dia voce a un Gadamer testimone e interprete ‘in dialogo’ con la tradizione. Rispondendo alle nostre domande il filosofo tedesco – considerato l’erede di quella affascinante avventura del pensiero che va dalla filosofia classica tedesca ad Heidegger - si ferma a conversare con Eraclito, Parmenide, Platone e Aristotele, Kant, Hegel fino ai filosofi a lui contemporanei, ripensandone i concetti fondamentali. "Dialogare" significa varcare una distanza, riconoscere l’ "altro" nella sua irriducibile alterità per incontrarlo e comprenderlo.
Una "storia della filosofia" così pensata e raccontata è dunque un corrispondere alla domanda ermeneutica, ascoltando un filosofo che ha fatto del colloquio con i grandi maestri del passato la cifra del proprio pensare.
Una discussione che termina senza finire, perché - concludendo ancora con Gadamer, ma con una parola che non vuol essere mai l’ultima - "un dialogo è qualcosa in cui si capita, in cui si viene coinvolti, del quale non si sa mai prima cosa ne ‘salterà fuori’, e che si interrompe non senza violenza, perché c’è sempre ancora d’altro ancora da dire... Ogni parola ne desidera una successiva; anche la cosiddetta ultima parola, che in verità non esiste".  

(Sara  Maia Fabriano)

 

 

 

gadamer.jpg

TESTI PUBBLICATI  (più recenti) di Gadamer


2007  A COLLOQUIO, FRAMMENTI DI MEMORIA DI UN GRANDE SAGGIO Edizione Marietti   LETTURE, scritture e partecipazione Edizione Transeuropa (Massa)

2006   ERMENEUTICA, UNO SGUARDO RETROSPETTIVO Edizione Bompiani   LINGUAGGIO Edizione Laterza

2004   ERACLITO, ERMENEUTICA E MONDO ANTICO Edizioni Guida   2002   SCRITTI DI ESTETICA Aesthetica edizioni   SCRITTI SU PARMENIDE Filema edizioni   L’ULTIMO DIO – UN DIALOGO FILOSOFICO CON RICCARDO DOTTORI Meltemi edizioni 

2001   EDUCAR-SI – nella famiglia, nella scuola, nell’università Pensa multimedia VERITA’ E METODO – Volume   I  / Volume  II Bompiani editore

2000       CARO prof. Heidegger Il  Nuovo Melangolo   LA DIALETTICA DI HEGEL Marietti editore     LA FILOSOFIA NELLA CRISI DEL MODERNO Herrenhaus   METAFISICA E FILOSOFIA pratica di Aristotele Guerini e Associati  

1999   ELOGIO DELLA TEORIA, DISCORSI e SAGGI Guerini e Associati   L’EUROPA E LA FILOSOFIA Marsilio editore   LA RAGIONE NELL’ETA’ DELLA SCIENZA Il Nuovo Melangolo 

1997   L’INIZIO DELLA FILOSOFIA OCCIDENTALE Guerini e Associati.    

STORIA- sintesi epoca PRE-SOCRATICA  :: PLATONE - tutti i dialoghi e riassunto  :: S.BERNARDO ED IL TEMPLARISMO :: CHE COS'E' IL MALE PER S.AGOSTINO  :: SAN TOMMASO E LE DISPUTE TEOLOGICHE :: STEINER E GHOETE - SCIENZA E CREATIVITA'  :: Editto di Milano, 313 storia del cristianesimo :: IL CRISTIANESIMO ED IL DESIDERIO INFINITO  :: SCHOPENHAUER - (1788-1860) :: BERGSON -Filosofia dell'intuizione :: PEIRCE - imparare ad interpretare  :: LEO STRAUSS, brevi cenni biografici :: GADAMER - riflessione sul cammino della filosofia  :: Ludwig Wittgenstein - il Tractatus  :: LOVELOCK - riflessioni su Gaia  :: Storia del Cristianesimo e Occidente di Angelini  :: Leo Strauss SENOFONTE E LA TIRANNIDE di Cattaneo  :: Utopia e George Kateb :: Rainer Maria Rilke lettera a un giovane poeta  :: Luigino Bruni , Dono e Scambio economico  :: ARIOSTO e i Poeti che svendono il tempo :: La diversità e la multicultura di Miriam Binda  :: Giuseppe De Carli vaticanista lodigiano :: Fabriano - il senso comune da Locke a Hegel  :: Gandhi vegetariano  :: il volto umano del processo spirituale  :: Shakespeare love e mistery  :: Oscar Wilde - Il critico come artista  :: Andy Warhol a Milano fino 9 marzo 2014 di M.Binda :: ZAMBARBIERI PALAZZO SOMMARIVA LODI :: Franco Volpi tra fede e Nietzsche  :: MIRIAM BINDA IN DIFESA DELLA POESIA SHELLEY  :: Jean Boudrillard intervista  :: Pirandello Oltre la ragione degli altri  :: Armando ALCIATO e la sua poetica  :: Roberto Fabris, lo scemo del villaggio  :: FABRIS Roberto poesie: questi rami questi silenzi  :: MESCHIERI Matteo uccidere gli spazi  :: SCHIAVONE Edio Felice a nascondino (poesia) :: IL VETRO VERDE DI DUCHAMP e il surrealismo :: ARTURO SCHWARZ ed il surrealismo  :: TESI Donatella libro verità il cancello chiuso :: Roberto Fabris Punto Nave  :: Miriam Binda: Extended circle -Tord Gustavsen :: Leon Battista Alberti umanista ed architetto :: Kabbala; IL LIBRO DELLO ZOHAR cenni storici  :: Busà Di Stefano - declino ed evangelizzazione  :: il bosco della ragnaia  :: Giovanni Della Rochelle  :: Il giullare Ivano Fossati  :: Ninnj Di Stefano Busà - la poesia arte del verbo  :: Karl Popper la lezione di questo secolo :: Compaagni di Rione Roberto Fabris  :: Bolivia in bicicletta  :: Jean Danielou :: DELLA PORTA NAPOLI  :: Corrado Calabro mi manca il mare Miriam Binda  :: Roberto Fabris il nulla  :: Fabio Strinati poesie
Copyright (c) 2000-2006    ::   Condizioni d'Uso